Viale dell'Industria 23, 35129 - Padova - 049 8072236 - info@desamo.it
Link instagram desamo    Link Facebook Desamo    Link Youtube Desamo    Link Linkedin Desamo    Scrivi una mail a desamo
Accesso area privata

F o t o v o l t a i c o   |   P o m p e  d i  C a l o r e
Vai ai contenuti
Shell: inaugurato il primo impianto fotovoltaico in Italia
Desamo
Pubblicato da Valeria Abbondanti in #DESAMOTECH · 18 Ottobre 2023
Tags: fotovoltaico

Shell: inaugurato il primo impianto fotovoltaico in Italia

Il gigante energetico ha inaugurato un nuovo capitolo nella sua lunga storia in Italia, dando il via alla costruzione del suo primo impianto fotovoltaico

 

L’inizio della rivoluzione green

 
Il 20 settembre 2023 rimarrà nella storia di Shell: proprio in questa data infatti è stato installato il primo pannello del parco fotovoltaico “Zamboni” ad opera del colosso dell’energia.
 
La cerimonia ha visto la presenza di alcune personalità importanti, tra cui Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto, e Paolo Noccioni, della Baker Hughes.
 

Caratteristiche e potenzialità

 
Il cuore di questa rivoluzione verde pulsante si trova nella contrada Talsano di Taranto.
 
Il futuro parco “Zamboni” abbraccerà un'area di 17,6 ettari: di questi, 14,6 ettari saranno il teatro di oltre 34.000 pannelli fotovoltaici bifacciali, mentre i restanti 3 ettari saranno adibiti a spazi verdi, contribuendo alla biodiversità locale e alla rinaturalizzazione di un’area precedentemente incolta.
 

I numeri del progetto

 
L'impianto fotovoltaico “Zamboni” prevede:
 
  • Una capacità energetica di 20 MW.
  • Una produzione annua superiore ai 30 GWh.
  • Una fornitura di energia equivalente al consumo medio di circa 14.000 famiglie all’anno.


     

Collaborazione e sostenibilità: un obiettivo comune

 
La visione di Shell trova riscontro nella partnership con l’azienda Baker Hughes. Quest'ultima, all'interno di un accordo di lungo termine, ha deciso di investire nell'energia pulita, assicurando l'acquisto di una quota significativa dell'energia prodotta dall'impianto per 8 anni.
 
Come sottolinea l’amministratore delegato di Shell Energy Italia, Gianluca Formenti, l’intesa con Baker Hughes conferma l’abilità di Shell di creare un legame diretto tra la produzione e la domanda di energia sostenibile, rafforzando il suo ruolo di player chiave nel settore delle rinnovabili.
 

Benefici ambientali e occupazionali

 
Oltre ai vantaggi energetici, l'impianto “Zamboni” promette di generare un impatto positivo sul territorio. La sua realizzazione contribuirà alla rinaturalizzazione di un'area fino ad ora incolta, sostenendo contemporaneamente la biodiversità locale. Sul fronte occupazionale, nei prossimi mesi, 32 persone saranno impiegate nella costruzione dell'impianto. Queste risorse si aggiungeranno agli addetti destinati alla manutenzione delle aree verdi e alla gestione quotidiana dell’infrastruttura.
 

Impegno e sostenibilità

 
Con venti parchi già autorizzati e altri in fase di istruttoria, Shell punta all’obiettivo di raggiungere una capacità di 2 GW di energia da fonti rinnovabili nell’arco di tre o quattro anni. L'ambizioso progetto di Shell a Taranto è un primo segno tangibile dell'importanza della transizione energetica in Italia. Oltre ad offrire soluzioni sostenibili, si prospetta come motore di innovazione e crescita lavorativa, sottolineando come un futuro basato sulla sostenibilità sia costruito attraverso il rinnovamento e la collaborazione tra le varie realtà del territorio.


Torna ai contenuti